Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo sito utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Usando il nostro sito si è d'accordo affinché possano essere scritti sul dispositivo in uso

    Visualizza Privacy Policy

FORMEZ-PA - Progetto “SPEED - Supporto sPEcialistico govErnance e Diffusione informazioni PSR 2014-20 - Regione Basilicata”
formez


 
AFFRONTARE GLI INCENDI
AFFRONTARE GLI INCENDI
PIANI STRAORDINARI DI RIMBOSCHIMENTO O MIGLIORE GESTIONE FORESTALE?
8 proposte per evitare un’altra estate di fuoco

In queste ultime settimane l’attenzione del Paese è concentrata sul dilagare di incendi critici in diverse regioniitaliane. Abbiamo ascoltato molte dichiarazioni da parte di associazioni, organizzazioni, enti, fino ad arrivare alle più alte cariche istituzionali, riguardanti la lotta agli incendi e la ricostituzione dei boschi percorsi da fuoco. Queste dichiarazioni sono il segnale di un nuovo interesse da parte dei decisori politici che, in una certa misura, segue la maggiore attenzione che l’opinione pubblica mostra verso il nostro capitale naturale, di cui le foreste rappresentano la parte più importante.
Questo legame emotivo, però, non è sufficiente.
Si sta facendo strada la consapevolezza che la lotta agli incendi non si realizza solo con la repressione dei reati, ma con un governo integrato di tutte le cause predisponenti, realizzando un’adeguata prevenzione atutto tondo, dalla quale dipende anche l’efficacia della attività di estinzione, facendo formazione di tutti gli attori coinvolti unita a corrette campagne di comunicazione rivolte alla cittadinanza.
Così facendo, le ingenti risorse che attualmente vengono spese in emergenza nell’estinzione e ricostituzione potrebbero essere drasticamente ridotte se accompagnate da una pianificazione del territorio forestale che punti ad una corretta gestione dei nostri boschi, con conseguente efficace prevenzione.
Successivamente emerge la questione di come facilitare la ripresa dei territori colpiti tra proposte di revisione degli strumenti normativi esistenti e redazione di Piani straordinari di intervento.

scarica il documento completo


 
CONAF: “L’agricoltura del futuro passa per innovazione, ricerca e formazione di competenze qualificate”
BUONO – VERSO MAKER FAIRE ROME
CONAF: “L’agricoltura del futuro passa per innovazione, ricerca e formazione di competenze qualificate”

È importante che il mondo agricolo capisca e si indirizzi verso innovazione, ricerca, studio quali premesse necessarie e imprescindibili per fare agricoltura di qualità, sostenibile e coerente con gli obiettivi di Agenda2030.”
Con questa premessa il segretario del CONAF Mauro Uniformi ha introdotto la posizione dei dottori agronomi e forestali a “Buono! Storie italiane di agricoltura, territori e cibo sostenibili”, l’evento promosso dalla Camera di Commercio di Roma, in collaborazione con il Santa Chiara Lab–Università di Siena, con il supporto di Rural Hacke Agro Camera e con la partecipazione di Asvis, Arsial, Borghi Autentici, Commissariato per la partecipazione dell’Italia a Expo 2020 Dubai.
Siamo stati lieti di partecipare a quest’evento e di vederlo così partecipato. Come ordine sappiamo che si deve parlare di agricoltura soprattutto al di fuori dei canali più tradizionali, perché essa non ci dà solo cibo di qualità, ma rappresenta una filiera economica di grande importanza, il made in Italy ci identifica nelle fiere internazionali e, infine, ha ricadute dirette e indirette sul turismo e nell’identità all’estero del Paese. Per questo sarà importante dare il giusto spazio al comparto agricolo e forestale italiano anche a Dubai2020”. – ha dichiarato Mauro Uniformi, segretario CONAF – “Oggi, in quest’appuntamento preparatorio alla Maker Faire Rome abbiamo giustamente dibattuto di innovazione, tema troppo spesso appannaggio del mondo industriale e artigianale. Come ordine, invece, sappiamo che è un tema decisivo per lo sviluppo dell’agricoltura del futuro: agronomi e forestali sanno che fare buona agricoltura significa prendersi cura del territorio, del paesaggio, della biodiversità, della vitalità del suolo ma che, per ottenere questi ambiziosi obiettivi, serve innovazione tecnologica, ricerca, competenze qualificate e capacità di portarle in campo.

Non è un caso, quindi, che l’azione dell’ordine sia rivolta proprio in questa direzione, ossia accrescere le competenze professionali della categoria per indirizzarla verso una produzione agricola di qualità, sostenibile e al passo con i tempi.”

Roma, 28 giugno 2021
Ufficio Stampa - Consiglio dell'Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali
Manuel Bertin              Telefono 329-3548053                          Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

documento scaricabile




 

FAD - ODAF PZ

FAD
N
uova piattaforma per la
formazione a distanza
dell'Ordine

-linee guida-

ESAMI DI STATO

esami di stato agronomi

ESAMI DI ABILITAZIONE

prezzario Regionale

regione

Fatturazione elettronica

immagine fatturazione   

 

 

logo quadrato sintesiforma

regione

 

 

 

conaf

 

 

unibas

 

 

 

accessoconaf

 SIDAF

 

feasr

 

 

epap

 

 

rsdi-logo

 

 


Vincolo idrogeologico (con mappe d'impianto) - link ad accesso libero
(si consiglia di leggere attentamente l'informativa)

Piano Paesaggistico Regionale 

 

Contatti

Tel 0971/24047 

+39 392/7245127

Fax 0971/308040

e-mail: info@agronomiforestalipotenza.it

e-mail (PEC): protocollo.odaf.potenza@conafpec.it

 

Codice Fiscale: 80004720761

 

odaf pz 2020 logo unico




 

logoFeDAF 2018






(scaricabili cliccando sopra il logo)